Faccio l’abusivo!

Tu stai pensando di fare l’abusivo per aumentare gli incassi.

Come riportano nelle cronache di Riccione del 26/01/2020, un nostro collega lo hanno acchiappato.

Mi spiace, bene o male lo abbiamo fatto tutti qualche dente abusivo.

Finchè si tratta di qualche dente non ammazziamo nessuno, ma fare l’abusivo tutto il giorno in qualche studio dentistico, oggi è un problema.

Non tanto per la sanzione amministrativa (multa) che ci danno, ma anche per il rischio di perdere le proprietà che abbiamo già pagato.

Come la casa e la macchina.

Cosa ne dici?

Meglio rischiare di perdere la casa facendo l’abusivo di turno nascosti dentro il nostro studio e coperti da qualche dottore compiacente o imparare a fare marketing e farci pagare bene per il nostro lavoro?

Abbiamo già dato noi più vecchi, ora le leggi sono maggiormente severe se ti prendono a lavorare in bocca, non ne vale la pena.

Mettiamo a rischio di sequestro la casa che abbiamo già pagato e mettiamo in difficoltà nostra moglie e i nostri figli.

Poi hanno vergogna ad uscire di casa.

Vediamo invece di utilizzare la nostra astuzia lavorativa ad imparare a trovare nuovi clienti dentisti ed a farci pagare bene i nostri lavori.

Magari con un programma di marketing ben strutturato che magari preveda un acconto su ogni lavoro che ci viene commissionato.

Questa si che sarebbe una bella vita per noi.

Basta usare la giusta strategia ed arriviamo anche a farci pagare prima di fare il lavoro protesico.

Abbiamo delle capacità che vanno oltre ogni immaginazione, siamo odontotecnici eh.

Dai, togliti quelle idee malsane di metterti a smanettare in bocca per recuperare pazienti.

Evitiamo di mettere nel ridicolo i nostri familiari.

Quello che abbiamo fatto in passato rimane nel passato.

Ora, coltello tra i denti e insieme impariamo agganciamo nuovi dentisti selezionati e ben pagatori.

Di questi abbiamo bisogno e non di fare gli abusivi.

Sono cambiati i tempi.

close

Non perderti i nostri consigli!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *